Home · Chi siamo

Chi siamo

Per sua plurisecolare tradizione la Chiesa si occupa di “Cultura” e di “Università”. Oggi lo si fa in maniera diversa rispetto al passato: le università non sono più creazioni del papa o dell’imperatore, ma servizi pubblici dovuti al popolo dallo stato laico, e la cultura non è più intesa come l’operazione dotta di circoli ristretti di intellettuali, bensì come un variegato insieme di pensieri, di memorie del passato e progetti per il futuro, di espressioni artistiche, scientifiche e tecniche, ma anche di costumi di una società sempre più pluralista. La comunità cristiana vive in questo insieme e vi elabora i propri modi di pensare e le stesse forme della sua fede e del suo operare. Se in questo insieme l’ambiente universitario ha un suo ruolo particolare e importante, è ovvio che l’intrecciarsi del discorso culturale della Chiesa trovi nell’università uno dei suoi riferimenti più interessanti.

Sarebbe ambizione del nostro Servizio poter dare un modesto contributo al dialogo fra le componenti disponibili dell’università e la gente della città. Ecco perché contiamo sulla collaborazione, cordiale e generosa, di docenti e di ricercatori per offrire alla città momenti di riflessione e di dialogo sui grandi temi della vita dell’uomo e della società. Alla riflessione comune coloro che condividono la fede cristiana sono in grado di offrire i valori propri della tradizione, della teologia e della spiritualità cristiana e chiunque ama pensare con libertà e sincerità vi apporta gli elaborati della propria riflessione a partire dalle sue specifiche competenze.

In questo sito è possibile trovare il programma completo delle attività progettate per il prossimo anno accademico, distribuito ancora per quest’anno, anche nel tradizionale formato cartaceo, con la previsione che, in futuro, il programma sarà solo in formato digitale. Attraverso una newsletter, di volta in volta si darà notizia delle singole iniziative. Chi è interessato è invitato perciò a comunicare il consenso a ricevere la newsletter, iscrivendosi tramite questo link, in modo da assicurare la correttezza dell’invio delle comunicazioni via e-mail. È nostro desiderio, comunque, poter comunicare con il più grande numero di persone e gradiremmo che tutti quelli che stanno ricevendo il nostro programma ce ne dessero la possibilità.

Il nostro ringraziamento va ai molti che anche quest’anno ci hanno assicurato la loro collaborazione. Ci auguriamo vivamente che le nostre iniziative possano raccogliere l’interesse della cittadinanza pisana e di quanti operano nelle nostre università.

Pisa, 15 settembre 2013

Don Severino Dianich
Don Roberto Filippini